Perché i video verticali stanno spopolando?

“Girare lo schermo!”, Abbiamo detto, quando il nonno ha filmato un video in verticale e tutti hanno messo le mani sulla testa. Ma ora la tendenza sta cambiando: da qualche anno il formato orizzontale sta cedendo il passo a quello verticale. Perché?

Ecco le sette ragioni che spiegano la rivoluzione verticale:

1. INTERNET MOBILE – È evidente che il telefono cellulare, negli ultimi tempi, è diventato il dispositivo principale. È scelto come strumento primario dagli utenti per connettersi a Internet. E qual è la posizione naturale quando si consumano contenuti attraverso questo dispositivo?

2. POSTURA NATURALE – Il design verticale dello smartphone è l’erede del telefono originale, un dispositivo che aveva alle sue estremità un microfono e un auricolare.
Ora siamo abituati a queste forme: portiamo i nostri telefoni verticalmente il 90% delle volte, ed è comune è usarlo con una sola mano (anche per scorrere tra i contenuti).
Inoltre, abbiamo visto quanto può essere scomodo trasformare lo schermo in un contenuto orizzontale. Toccare pulsanti indesiderati può frustrare una navigazione pacifica.

3. FORMATO SMARTPHONE – Se inizialmente il formato verticale dei video o le immagini viste attraverso il cellulare erano minoritarie, ora solo il 6% degli utenti le visualizza orizzontalmente. In effetti, un video mobile verticale ha una probabilità 9 volte maggiore di essere visto.
La tendenza è in crescita e sono apparsi i primi film verticali e anche un festival di produzioni in questo formato, il Vertical Film Festival di Katoomba Blue Mountains.

4. REGISTRAZIONE E RIPRESA – La postura più spontanea per registrare un video da un telefono cellulare è verticale. Le statistiche mostrano che le fotocamere dello smartphone sono utilizzate in modalità verticale il 98% delle volte.

5. RETI SOCIALI – Oltre a registrare e consumare video tramite telefono cellulare, li condividiamo anche in questo modo. E le piattaforme ideali per farlo sono i social network, che sono già stati adattati per accogliere la verticalità in tutto il suo splendore.
Il primo a farlo è stato Snapchat, che ha permesso la condivisione di video e foto dei suoi utenti in questo formato per anni. Anche Instagram lo ha fatto con le sue storie, e di recente con il lancio di Instagram TV (o IGTV), un’applicazione basata su video appositamente progettati per dispositivi mobili. Secondo Instagram, entro il 2020 il 50% dei video verrà visualizzato su uno schermo mobile, come mostrato durante la presentazione video verticale IGTV:

E per soddisfare le preferenze dei consumatori, nel 2017 Facebook, Instagram, Twitter, Snapchat e YouTube per Android hanno eliminato i margini neri nei video verticali.

6. MAGGIORE INTERAZIONE – I video verticali apportano ulteriori vantaggi, perché favoriscono l’interazione con l’utente: c’è spazio per riprodurre la scena principale del video e anche per posizionare gli inviti all’azione (CTA) che stimolano l’interazione.

7. ANNUNCI DI SUCCESSO – Gli annunci verticali possono essere posizionati a schermo intero e attirare più utenti. Facebook ha anche lanciato la possibilità di fare campagne pubblicitarie in questa modalità: secondo l’azienda, i tassi CPM (costo per mille impressions) sono tre volte più efficaci per i video verticali rispetto ai video orizzontali.

Come reagiranno le aziende a questa predilezione del verticale degli utenti? Sapranno come sfruttare le possibilità del nuovo formato per raggiungere i loro clienti?

Richiedi una demo

Scopri come aumentare il tuo fatturato. Richiedi una demo gratuita.